Per offrire informazioni e servizi, questo portale utilizza cookie tecnici, analitici e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su qualunque altro link nella pagina o, comunque, proseguendo nella navigazione del portale si acconsente all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli consultare l'informativa sulla Privacy.

Venerdì, 16 Novembre 2018

Il Consiglio regionale rinvia per approfondimenti la trattazione delle riforma della legge elettorale che introduce la doppia preferenza di genere

Il Consiglio regionale, presieduto da Nicola Irto, ha rinviato la trattazione della proposta di legge di iniziativa della consigliera Flora Sculco per introdurre la doppia preferenza di genere sulla prossima scheda elettorale per il rinnovo dell’Assemblea legislativa.

La stessa relatrice, nel suo intervento, ringraziando i consiglieri che si sono espressi contro il rinvio dell’esame del provvedimento, sulla cui approvazione ha ricevuto garanzie dal Presidente Oliverio, ha anche preso atto della necessità di un approfondimento resosi necessario a seguito dei rilievi avanzati dall’ufficio legislativo di Palazzo Campanella.
Nel corso della seduta, l’aula ha inoltre approvato una modifica della legge per la regolarizzazione delle occupazioni senza titolo degli alloggi di edilizia residenziale pubblica e lo statuto delle riserve naturali del lago di Tarsia e della foce del fiume Crati. Il consigliere Domenico Tallini, intervenendo sull’argomento, ha posto in rilievo “il grande patrimonio delle riserve naturali che va preservato e valorizzato con sempre maggiori risorse, mentre il consigliere Gianluca Gallo ha rilevato la necessità di una forte azione di disinquinamento dei corsi d’acqua affinchè le riserve siano davvero protette e salvaguardate. Il consigliere Fausto Orsomarso, da parte sua, ha espresso un giudizio positivo sul recupero e sulla valorizzazione dei beni ambientali, come le riserve naturali, che possono contribuire ad una economia compatibile con le esigenze dell’uomo. Per il consigliere Giuseppe Giudiceandrea, la Regione ha già investito circa 280 milioni per la depurazione e la messa a norma degli impianti, e in tal senso, le riserve naturali rappresentano uno dei principali strumenti per la difesa del territorio.
Di seguito, il Consiglio regionale ha approvato il riconoscimento di debiti fuori bilancio  a causa di pronunciamenti della magistratura, il bilancio di previsione dell’Arcea (Agenzia regionale perle erogazioni in agricoltura) 2018/2020 e il bilancio dell’Arsac (Agenzia per lo sviluppo agricolo) per gli anni 2018/2020, e l’aggiornamento del Regolamento interno di contabilità del Consiglio regionale. L’Aula, di seguito e dopo la relazione dell’assessore al ramo Roberto Musmanno, ha approvato modifiche alla legge regionale n.37/2015 per efficientare le procedure informatiche per la denuncia e l’autorizzazione di interventi di carattere strutturale e per la pianificazione territoriale in prospettiva antisismica.
Nel corso dei preliminari, il consigliere Claudio Parente ha comunicato all’aula di avere depositato all’attenzione del presidente del Consiglio Nicola Irto una richiesta di chiarimenti in relazione “alle iniziative che vorrà assumere per tutelare le prerogative dei Consiglieri, in particolare del consigliere Tallini, criticato con intenti denigratori da alcuni dirigenti regionali e dal dott. Tanzi”. Il Presidente Irto, rispondendo immediatamente, ha reso noto di avere già inviato dal 17 settembre scorso all’attenzione del Presidente Oliverio una nota a difesa delle funzioni e delle prerogative dei Consiglieri regionali.