Per offrire informazioni e servizi, questo portale utilizza cookie tecnici, analitici e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su qualunque altro link nella pagina o, comunque, proseguendo nella navigazione del portale si acconsente all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli consultare l'informativa sulla Privacy.

Lunedì, 21 Gennaio 2019

Consiglio regionale, approvato a maggioranza il Documento economico e finanziario per il biennio 2019-2021. Gli interventi dell’opposizione e la replica di Oliverio.

Con quindici voti a favore (Aieta, Battaglia, Bevacqua, Bova, Ciconte, D’acri, D‘Agostino, Giudiceandrea, Greco, Irto, Mirabello, Nucera, Romeo e Sculco, più Oliverio), nove contrari (Esposito, Gallo, Guccione, Nicolò, Orsomarso, Pasqua, Parente, Pedà e Tallini) e due astensioni (Scalzo e Sergio), l’Assemblea legislativa ha approvato il ‘progetto’ di sviluppo della Calabria per i prossimi due anni.

L’esito della votazione ha reso evidenti le frizioni insite nella maggioranza di centrosinistra, con il voto contrario di Guccione e le astensioni di Scalzo e Sergio, che i consiglieri di opposizione hanno posto in evidenza nei loro interventi. Nicolò, Gallo, Parente, Orsomarso, Tallini, Esposito e Pedà hanno, all’unisono, rimarcato “l’evanescenza dell’attuale maggioranza rispetto al mandato popolare con cui aveva vinto le elezioni, lacerata, con consiglieri ormai in libera uscita”.
Un giudizio univoco e duro che Mario Oliverio ha cercato di ribaltare nella sua replica (“abbiamo riacceso i motori dell’economia calabrese”), attaccando le argomentazioni degli oppositori come “banale propaganda”. Il Governatore, snocciolando i macrodati dell’economia regionale, ha parlato di “venti di ripresa e timida crescita del lavoro, un trend che fino al 2016 era impensabile dopo quasi   dieci anni di recessione causata da fattori interni ed internazionali”. Oliverio, ha detto che “i risultati non sono venuti a caso, ma grazie all’impegno di risorse in cui sono stati trasformati i progetti e per l’avanzamento della spesa comunitaria”. Oliverio ha anche assunto l’impegno di ridiscutere in Consiglio regionale le questioni della sanità calabrese, “precipitata di parecchio a causa del protrarsi del commissariamento da quasi dieci anni”.
Il Consiglio regionale, successivamente, ha anche approvato la Manovra di assestamento del bilancio 2018-2020 che reca misure e provvedimenti per complessivi 24,9 milioni di euro; il Rendiconto generale della Regione per l’anno 2017; un provvedimento amministrativo illustrato dal presidente della quarta Commissione, Domenico Bevacqua, sulla salvaguardia dei servizi minimi nel settore del trasporto locale; modifiche alla legge regionale sulle relazioni con i calabresi nel mondo (Greco); ordini del giorno per il sostegno alle famiglie colpite dal maltempo (Orsomarso), sul futuro dei tirocinanti impegnati nelle strutture giudiziarie calabresi (Gallo), sulla richiesta di statalizzazione della strada a servizio della Costa degli Dei (Mirabello) e  il testo dell’ordine del giorno – illustrato dal Presidente Nicola Irto -  formalizzato nel corso della recente Conferenza dei Presidenti delle Assemblee legislative delle Regioni e delle Province autonome.