Per offrire informazioni e servizi, questo portale utilizza cookie tecnici, analitici e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su qualunque altro link nella pagina o, comunque, proseguendo nella navigazione del portale si acconsente all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli consultare l'informativa sulla Privacy.

Martedì, 25 Giugno 2019

Il Consiglio regionale approva all’unanimità i tagli ai vitalizi. Risparmi per oltre un milione di euro all’anno.

Il Consiglio regionale, presieduto da Nicola Irto, ha licenziato all’unanimità un testo di legge con cui si rideterminano le misure dei vitalizi diretti, indiretti e di reversibilità per i Consiglieri regionali.

Nella sua relazione, il consigliere Giuseppe Giudiceandrea ha spiegato l’importanza del provvedimento di legge adottato, che consta di ben 23 articoli.
Successivamente, l’aula, sentita la relazione dell’assessore alle Infrastrutture, Roberto Musmanno, ha modificato la legge regionale in materia di autorizzazioni di interventi di carattere strutturale e per la pianificazione territoriale in funzione antisismica, per favorire la velocizzazione dell’istruttoria delle pratiche depositate presso varie amministrazioni comunali.  Il Consiglio regionale, inoltre, ha approvato una proposta di legge di iniziativa dei Consiglieri regionali Sebastiano Romeo e Domenico Tallini in materia di applicazione della spending - review sul trasporto pubblico locale, in particolare sull’attività della società Ferrovie della Calabria, anche ai fini della difesa dell’occupazione dei dipendenti. Di seguito, l’Assemblea ha approvato una proposta di legge di iniziativa del consigliere Michele Mirabello per interventi assistenziali in favore dei ciechi pluriminorati ai fini dell’accertamento del grado di percentuale dell’invalidità complessiva congiunta. Infine, il Consiglio regionale ha dato via libera ad un impianto normativo sottoscritto dal consigliere Franco Sergio per promuovere una rassegna regionale di Studi economici intitolata a don Carlo De Cardona, meridionalista calabrese vissuto tra il XIX e il XX secolo, uno dei fondatori del popolarismo in Calabria.