Per offrire informazioni e servizi, questo portale utilizza cookie tecnici, analitici e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su qualunque altro link nella pagina o, comunque, proseguendo nella navigazione del portale si acconsente all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli consultare l'informativa sulla Privacy.

Sabato, 23 Marzo 2019

Bimbi prelevati a scuola dai Servizi Sociali, il Garante Marziale: "Indignato!"

“Prelevati da scuola dai servizi sociali del Comune, portati in comunità e mai più riportati in aula. Succede a due bambini di Reggio Calabria, allontanati dalla famiglia con un provvedimento del Giudice minorile, che non ha disposto né la sospensione né la decadenza dalla responsabilità genitoriale”.

È quanto dichiara il Garante per l’Infanzia e l’Adolescenza della Regione Calabria, Antonio Marziale che si dice: “Indignato da dinamiche che sanno più di omissione che di applicazione dei diritti fondamentali dei minori. I servizi sociali sono tenuti a garantire il diritto all’istruzione, mentre i bambini da oltre due settimane non vanno a scuola”.

“I piccolini - evidenzia Marziale - hanno diritto a completare il percorso scolastico nella scuola dove sono iscritti; diversamente si arreca un pregiudizio, in quanto gli stessi verrebbero ad essere eradicati dall’ambiente frequentato per tutto l’anno. Per non calcolare i danni emotivi derivanti dall’allontanamento dai compagni, dai docenti e dall’ambiente che è loro familiare”.

Per il Garante: “Trattandosi di una decisione di maggiore rilievo per i minori, si sarebbe dovuto coinvolgere sempre e comunque i genitori, che al momento sono pienamente titolari della responsabilità genitoriale. I motivi sopra esposti - conclude Marziale - mi portano a tenere in debita considerazione quando segnalatomi dal dirigente scolastico, giustamente preoccupato per la formazione dei bambini, e a provvedere immediatamente ad informare la stessa autorità giudiziaria minorile, non senza esimermi dal rilevare che tali modalità recano soltanto danno ai bambini e devono essere scongiurate in divenire. Peraltro, in passato il dirigente scolastico - come prassi prevede - aveva provveduto a scrivere ai genitori dei bambini per segnalare le assenze di questi ultimi; oggi, paradossalmente, si trova costretto a segnalare al Garante, assenze determinate dai servizi che dovrebbero invece garantire la frequentazione della scuola”