Per offrire informazioni e servizi, questo portale utilizza cookie tecnici, analitici e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su qualunque altro link nella pagina o, comunque, proseguendo nella navigazione del portale si acconsente all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli consultare l'informativa sulla Privacy.

Martedì, 25 Giugno 2019

Osservatorio, attivata 'Stanza della memoria e dell’impegno per le vittime di femminicidio' in Calabria

La “Stanza della memoria e dell’impegno per le vittime di femminicidio in Calabria”, attivata presso il Consiglio regionale della Calabria e intitolata a Mary Cirillo, uccisa nel 2014 a Monasterace, vuole diventare un centro di documentazione, formazione e studio sulla violenza alle donne in Calabria. Lo rende noto l’Osservatorio regionale contro la violenza di genere.

Foto di repertorio. I componenti dell'Osservatorio in visita al Polo culturale 'Mattia Preti'

“Tra le attività dell’iniziativa – prosegue la nota dell’Osservatorio – la raccolta delle storie delle vittime, attraverso poster, mostre fotografiche e video. Ad oggi, l’Osservatorio ha selezionato e raccolto 50 episodi e storie di violenza di genere, che saranno disponibili nella “Stanza della Memoria e dell’Impegno” di Palazzo Campanella, storie singole ma che rafforzano la memoria collettiva. E inoltre, l’Osservatorio, di concerto con l’Ufficio Scolastico regionale, inviterà tutte le scuole calabresi ad ‘adottare’ una storia di femminicidio, manifestando il loro interesse ad intitolare un’aula del proprio istituto, aula magna, o palestra, ad una vittima calabrese di femminicidio e a dedicare ore curriculari ed extracurriculari di formazione per docenti e studenti sul tema del contrasto alla violenza di genere con esperti sul tema, membri del gruppo di formazione interno all’Osservatorio”.
    Ed ancora, saranno programmati a cura dell’Osservatorio in collaborazione      con istituzioni, forze dell’ordine e associazioni interessate, incontri di formazione su temi specifici, presentazione libri e filmati. Infine, il quotidiano Gazzetta del Sud, ha dato la disponibilità di un giornalista che racconti episodi di cui sono state vittime le donne agli incontri con i gruppi interessati.  
Per contatti e informazioni Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. , tel. 3349500273. L’iniziativa è sostenuta dal Rotary Club Reggio Calabria Nord.